1° maggio – Festa dei Lavoratori

Oggi è la festa dei lavoratori; del diritto di ogni singolo individuo di accedere al mondo del  lavoro; della libera scelta dell’impiego, a candizioni dignitose e in piena SICUREZZA; è, più in generale, la festa contro la disoccupazione. In una giornata piena di rumorose celebrazioni e di spazi urbani congestionati, trafficati e caotici, desideriamo lasciarvi con un’immagine bucolica piena di simboli agresti, dove una natura fresca e selvaggia, piena di “ramoscelli fioriti” si tinge di ROSSO… o, come canta il poeta: “È rosso rosso il gonfalon selvaggio!”

CALENDIMAGGIO

Ben venga Maggio
e il gonfalon selvaggio!
Ma è una selva che si svelle,
la selva che da sè si schianta!
E viene, e seco ha le procelle
che l’hanno nell’inverno affranta,
e viene e canta
il gonfalon selvaggio!

Ben venga con la sua grande ombra
e col grande urlo dei torrenti!
È vivo il gonfalon che ingombra
la terra e si svincola ai venti;
ed ai dormenti
annunzia: È Maggio! È Maggio!

Ben venga Maggio
e il gonfalon selvaggio!
S’avanza sotto il cielo azzurro
il verde bosco che s’è mosso;
ha dentro un cupo suo sussurro,
ha dentro un rauco fiato grosso.
È rosso rosso
il gonfalon selvaggio!

Ben venga! È gente che sui capi
solleva il ramuscel d’ulivo;
e quel sussurro è ronzìo d’api
seguenti il ramo fuggitivo;
e il rosso vivo
è dei rosai di Maggio!

Ben venga Maggio
e il gonfalon selvaggio!

Giovanni Pascoli

 

Buona festa del Lavoro a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.